Perchè un Bilancio di Responsabilità Sociale

Per la prima volta abbiamo deciso di pubblicare il Bilancio di Responsabilità Sociale per testimoniare la volontà di farci conoscere meglio dai nostri stakeholder (i clienti, i fornitori, la comunità territoriale, ma anche i nostri dipendenti), condividendo sie le informazioni economiche che quelle di natura sociale ed ambientale, migliorando la trasparenza ed arricchendo il confronto interno ed esterno.

La forma scelta è quella di un bilancio che sia il più possibile semplice ma allo stesso tempo comunicativo, senza troppi giri di parole ma contenente tutte le informazioni utili per poter valutare il nostro operato. Abbiamo privilegiato la pubblicazione di tabelle, grafici ed indicatori quantitativi e qualitativi coerenti con le principali linee guida nazionali ed internazionali. La scelta di adottare una pagina web invece di un documento PDF deriva dalla volontà di tenere il Bilancio costantemente aggiornato, oltre che di garantire facilità di lettura ed interattività della navigazione.

La pubblicazione di questo Bilancio vuole essere un'iniziativa in continuità con il nostro percorso di miglioramento costante nei rapporti con i nostri stakeholder, adottando prassi aziendali basate sempre di più sui principi dello sviluppo sostenibile.

Sostenibilità

Il nostro bilancio si rifà alle linee guida GRI e GBS , seguendone la struttura e i contenuti principali.
Secondo le linee guida, lo sviluppo sostenibile di un'azienda è un processo di miglioramento delle performance economiche, sociali ed ambientali: la sostenibilità è data dall'esito della gestione di questo processo.
Nel nostro report, dopo aver esplicitato la nostra identità, affronteremo queste tre dimensioni riportandone i principali indicatori di performance ed approfondendo alcuni aspetti che riteniamo significativi.

Identità

Chi siamo e cosa facciamo: la nostra storia, la nostra azienda, i nostri valori

Performance economica

Come creiamo valore aggiunto e come lo redistribuiamo ai nostri stakeholder

Performance sociale

Le politiche nei confronti dei nostri stakeholder

Perfomance ambientale

La nostra strategia di sostenibilità ambientale

Identità

Cosa facciamo

Chi siamo

La Nicolini & C. nasce nel 1973 per iniziativa dei sig.ri Nicolini Mario, Reggiani Luciano e Nicolini Luigi con lo scopo di produrre motori elettrici e componenti. Fin dall’inizio la concezione lavorativa che ha caratterizzato l’azienda è stata indirizzata ad ottenere la soddisfazione del cliente fornendogli un prodotto di qualità ed un servizio efficiente. Oltre a ciò vi è sempre stato, nella Nicolini & C., la consapevolezza che fosse necessario rinnovare continuamente le tecnologie produttive e contemporaneamente adeguare il prodotto alle tendenze del mercato. Questa filosofia imprenditoriale ha prodotto, con il passare degli anni, una crescita graduale cha ha consentito la formazione di personale qualificato e l’acquisizione di una clientela stabile e affezionata. Oltre al consolidamento della posizione di primo piano a livello nazionale, la Nicolini & C. ha acquisito una prestigiosa clientela nei mercati europei tecnologicamente avanzati e sta indirizzando i propri sforzi ai mercati intercontinentali per i quali sono state messe a punto nuove linee di prodotto nel rispetto dei requisiti tecnici previsti dalle normative dei singoli paesi. Possiamo ora affermare che la Nicolini & C. è un’azienda consolidata e con l’ingresso in azienda della terza generazione offre ulteriori prospettive di crescita.

Voglio saperne di più

LA MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE

RIEPILOGO DEI PRINCIPALI INDICATORI DI SOSTENIBILITA'

Performance Economica

Creazione e redistribuzione del Valore Aggiunto


+ VALORE AGGIUNTO
dal 2013 al 2015

V.A. redistribuito
verso I NOSTRI DIPENDENTI

+ FATTURATO
tra il 2013 e il 2015

UTILI reinvestiti
in azienda nel 2015


Nel 2015 il bilancio della Nicolini & C è stato chiuso con un fatturato di 6.929.544 € e un utile netto di 507.734 €.

Fatturato

Utili


Il “Valore Aggiunto” indica la capacità di un’azienda di generare ricchezza e di redistribuirla tra i suoi stakeholder, e rappresenta il collegamento tra il Bilancio Economico e il Bilancio Sociale, in quanto riclassifica le informazioni contabili esplicitandone la valenza sociale.
Il modello adottato per il calcolo del VA è quello del gruppo GBS e consiste, nello specifico nel calcolare la ricchezza come differenza tra il valore della produzione e i costi relativi all’acquisizione di beni e servizi. Il Valore Aggiunto Globale è stato calcolato aggiungendo il saldo della gestione straordinaria ed accessoria.

Calcolo del Valore Aggiunto
2015 2014 2013
Valore della produzione 6.929.544 7.136.431 6.119.385
Costi intermedi della produzione 4.933.146 4.964.287 4.176.687
VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO LORDO 1.996.398 2.067.144 1.802.698
Componenti accessori e straordinari 158.243 -70.181 -139.601
VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO 2.154.641 2.101.963 1.803.097


La distribuzione del Valore Aggiunto rappresenta la quantità di ricchezza che l’azienda redistribuisce verso ognuno dei suoi Stakeholder.

Redistribuzione del Valore Aggiunto
2015 2014 2013
Risorse umane 63,8% 60,6% 67,3%
Stato, enti e istituzioni 7,4% 11,5% 9,6%
Remunerazione del capitale di credito 0,2% 0,3% 0,2%
Remunerazione dei soci e degli amministratori 4,9% 6,7% 5,8%
Remunerazione dell'azienda 23,8% 20,9% 17,0%

Valore Aggiunto

Redistribuzione

Solidità finanziaria

Dall'analisi degli indici di bilancio si evidenzia come la capacità da parte della nostra azienda di garantirsi autonomamente le risorse finanziarie sia ormai consolidata. Positiva e stabile è la redditività della gestione aziendale nel suo complesso (ROE), risulta positiva anche la redditività della gestione caratteristica rispetto all'intero finanziamento aziendale ovvero la redditività del capitale investito (ROI). Quest'ultimo poi risulta sempre maggiore del livello di indebitamento e quindi non si ricorre all'effetto leva finanziaria (ROI>ROD). Gli indici di liquidità mostrano che sia nel breve che nel lungo termine sono disponibili risorse finanziarie sufficienti per far fronte ai debiti. Infine il Capitale Circolante Netto è sempre positivo ciò rappresenta il surplus di risorse monetarie che l'azienda ha investito in eccedenza rispetto al passivo corrente. Il CCN assieme ai precedenti indici forniscono la misura dell'equilibrio finanziario , la dimensione della sua stabilità e mostrano un'impresa con ottimi livelli di liquidità e solidità nel breve termine ma anche duraturi sul lungo periodo.

Indici 2013 2014 2015
ROE 16,78% 22,62% 20,66%
ROI 10,38% 14,26% 9,92%
Quoziente di indebitamento 0,18 0,11 0,01
Indice di liquidità corrente 1,96 1,86 1,06
CCN 1.373.244 1.354.687 1.791.637

Performance Sociale

Dipendenti, clienti, collettività


+ DIPENDENTI
tra il 2013 e il 2015

Personale
A TEMPO INDETERMINATO

DONNE
sul totale dipendenti

UNDER 45
sul totale dipendenti


Tra il 2013 e il 2015 il personale è aumentato di 6 unità, di cui 4 operai e 2 impiegati. La presenza femminile in azienda è del 32%, 7 sono operaie e 5 sono impiegate.


Occupazione

Pari opportunità


Di seguito si riporta un riepilogo dei principali indicatori secondo le linee guida GRI

Indicatori
2013 2014 2015 2016
Numero di dipendenti 31 33 37 38
Numero di operai 24 26 28 28
Numero di impiegati 7 7 7 8
Numero di intermedi 2 2 2 2
Numero di donne 12 11 12 13
% donne sul totale 39% 33% 32% 34%
% donne sul totale operai 33% 27% 25% 25%
% donne sul totale impiegati 57% 57% 56% 56%
Numero dipendenti a part-time 5 5 5 5
% dipendenti a part-time / totale 16% 15% 14% 16%
% dipendenti donne / totale a part-time 100% 100% 100% 100%
% donne a part-time / totale donne 42% 45% 42% 38%
Età media 43 42 43 44
Numero dipendenti under 45 17 19 18 19
% under 45 / totale dipendenti 55% 58% 58% 58%
Media anni di presenza in azienda 15 14 14 13
Anni di presenza operai 11 10 10 11
Anni di presenza impiegati 28 29 24/td> 18/td>
Numero di dipendenti extracomunitari 8 7 7 7
% extracomunitari / totale dipendenti 26% 21% 19% 18%
Numero di dipendenti a tempo indeterminato 29 28 31 31
% a tempo indeterminato / totale 94% 85% 84% 82%
Numero lavoratori interinali - 5 3 0
Personale in ingresso 2 4 7 1
Nuove assunzioni a tempo determinato 1 3 4 1
Nuove assunzioni a tempo indeterminato 1 1 3 0
Personale in uscita 2 2 3 0
Tasso di turnover 13% 18% 27% 3%
Tasso di compensazione del turnover 100% 200% 233% -
Progetto Scuola - Lavoro
L'alternanza scuola-lavoro, come indicata dall'art.4 D.Lgs. 15 aprile 2005, n. 77, consiste nella realizzazione di percorsi progettati, attuati, verificati e valutati, sotto la responsabilità dell'istituzione scolastica o formativa, sulla base di apposite convenzioni con le imprese, o con le rispettive associazioni di rappresentanza, o con le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o con gli enti pubblici e privati, ivi inclusi quelli del terzo settore, disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di apprendimento in situazione lavorativa, che non costituiscono rapporto individuale di lavoro.

La Nicolini & C. ha attivato questo percorso a partire dal 2014, in collaborazione con tre istituti locali:
  • Istituto Superiore Professionale Statale "Mario Carrara" di Guastalla
  • Istituto Professionale Statale per l'Industria e l'Artigianato "G.Vallauri" di Carpi
  • CIS-Scuola per la Gestione d'Impresa di Reggio Emilia
I ragazzi hanno approfondito sul campo e messo in pratica le conoscenze acquisite con loi studio, e uno di loro è entrato a far parte della nostra squadra a partire dal 2015 con un contratto a tempo indeterminato.
Salute e sicurezza sul lavoro
La Nicolini & C si impegna nella tutelare la salute e la sicurezza dei propri dipendenti assicurando un ambiente di lavoro sano e sicuro, in ottemperanza del D.Lgs 81/2008. Nel rispetto di quanto previsto dagli art. 36 e 37 del Testo Unico, i dipendenti vengono informati e formati su tutti gli aspetti riguardanti i rischi sul lavoro, viene fornita inoltre formazione specialistica per gli addetti alle procedure di salvataggio, primo soccorso, evacuazione e lotta antincendio.
Tutti i dipendenti sono seguiti da un medico e vengono visitati annualmente.

L'azienda si impegna nel miglioramento costante delle condizioni di lavoro dei propri dipendenti: sono stati recentemente installati nuovi manipolatori magnetici per la movimentazione di carichi pesanti e una nuova pressa automatica che consente di alleviare la fatica dell'operatore.

Grazie agli investimenti in sicurezza e al rispetto delle regole di prevenzione dei rischi, nell'ultimo triennio non si è verificato nessun tipo di infortunio presso le nostre sedi.

CLIENTI


Il rapporto con i nostri clienti è basato sulla fiducia reciproca e sulla stretta collaborazione, che ci permettono di fornire prodotti di qualità e su misura, adattandoli alle esigenze del cliente, al quale garantiamo assistenza in tutte le fasi successive all'acquisto.
Tra i nostri clienti ci sono anche aziende leader a livello mondiale, come Bosch Rexroth, Kaercher ed Emerson.
I nostri clienti sono localizzati in più di 50 paesi diversi: nella mappa sottostante sono raffigurati in base al grado di rilevanza.


I nostri clienti

Performance ambientale

Consumi, emissioni, rifiuti


EMISSIONI
di fumi

Rifiuti
RECUPERATI

RIDUZIONE
dei consumi elettrici

Investimenti per il miglioramento
dell'efficienza energetica



PESO E DESTINAZIONE DEI RIFIUTI

Classificazione dei rifiuti

Peso dei rifiuti


Peso in tonnellate e destinazione dei rifiuti
2013 2014 2015 Destinazione
Rifiuti non pericolosi 16,37 45,50 23,21
Limatura e trucioli di ferro 10,22 19,09 9,12 Recupero
Imballaggi di carta e cartone 6,15 7,11 6,98 Recupero
Fusioni di alluminio - 4,22 - Recupero
Rottami di ferro e acciaio - 13,98 - Recupero
Apparecchiature fuori uso - - 6,57 Recupero
Scarti di verniciatura - - 0,54 Smaltimento
Rifiuti pericolosi 0,20 1,46 0,97
Emulsioni oleose non contenenti alogeni 0,20 0,90 0,40 Smaltimento
Fanghi solidi di rettifica materiali ferrosi - 0,56 0,57 Stoccaggio